Torino dal quadrato al tutto tondo

Added by | 9 yearss ago

691

Il capoluogo subalpino nasce su insediamento celtico da parte dei romani, notoriamente guerrieri razionali ed efficienti che diedero alla città una conformazione a pianta quadrata. Quando la chiesa permise di scoprire che la terra è tonda, anche Torino decise, lentamente, di affiancare la sua natura quadrata alla simbologia del tutto tondo, rappresentato dal globo terracqueo! I decori sugli edifici torinesi offrono, quindi, al turista una vasta panoramica di strumenti scientifici, in metallo, conglomerato laterizio, legno, affresco, carta e plastica. Non si tratta di scienza in senso lato, ma di scienza della misurazione, identificazione e orientamento nel territorio: carte geografiche, mappe, piante stradali, sezioni ed esplosi di importanti architetture subalpine, punti cardinali e rose dei venti, stemmi e simboli di capoluoghi e varie località, elenchi toponomastici, utensili per la misurazione delle distanze, mappamondi. Questi ultimi sono certamente tra le figure allegoriche più rappresentate. La simbologia del globo terreste nasce con gli antichi, come i greci con Atlante, transitando per le rappresentazioni iconografiche cristiane del periodo medioevale di Dio e del Cristo Pantocratore col globo in mano, sino ai successivi interventi iconici legati al potere temporale di re e imperatori, sino ai più recenti, riguardanti le moderne repubbliche. Il globo dunque è stato nella storia dell'arte simbolo di potere spirituale e temporale, ma anche allegoria di forza ...

Channel:

Related tags:

comments powered by Disqus









TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso