Ecco degli attori vogliosi che si cimentano su quanto narrato da Luciano De Crescenzo su "La storia della filosofia medioevale". L'ESSERE E', IL NON ESSERE NON E'....e da allora ebbe inizio la storia della filosofia. Il Mitico De Crescenzo ci dice che: "Un giorno, ricordo, fui costretto a spiegare la differenza tra essere e non essere a una bella ragazza che era venuta aa Cinecittà a fare un provino. "Come ti chiami" le chiesi. "Patrizia e ho venti anni" mi rispose. "E che vuoi fare nella vita?" "Voglio fare l'attrice, oppure la velina.1" "Ma vuoi fare l'attrice per Essere o per Non Essere?" "Per essere, per essere attrice." "D'accordo; io allora ti spiego che cos'è l'Essere dell'attrice e che cos'è il Non Essere dell'attrice. Se tu vuoi fare l'attrice per diventare famosa, per vedere le tue foto sulle copertine delle riviste, per mettere gli autografi, per andare in televisione come ospite e per fare molti soldi, sappi che tutte queste cose messe insieme rappresentano il Non Essere dell'attrice, ovvero l'apparire." "E l'Essere che cos'è?" "E' quella cosa che senti dentro quando ti accorgi che la persona che ti sta davanti ha riso o si è commossa. E già, perché in quel momento ti rendi conto di essere stata "veramente" un'attrice, cioè di aver trasmesso un'emozione che non era tua, ma dell'autore, a un altro individuo che si chiama spettatore, e questa sensazione vale per tutti i mestieri del mondo e, chissà?, forse vale anche per i non mestieri." "Ho capito: è come ha ...

Channel:

Related tags:

comments powered by Disqus









TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso