In tempi non sospetti l'intervento dott. Sergio Fai (biologo marino), durante un Convegno sulla tassa dei Rifiuti (Movimento Cinque Stelle Nardò), parla chiaramente della problematiche degli impianti di Depurazioni in Puglia nello specifico della futura condotta sottomarina prevista a Torre Inserraglio nella marina di Porto Selvaggio evidenziando tecnicamente le difficoltà di gestione i costi e lo spreco delle acque dolci, altrimenti utilizzabili nell'agricoltura e nell'irrigazione del Verde Urbano. Durante l'intervento inoltre si evincono le evidenti problematiche e pericolosità della condotte sottomarina, descrivendo in modo esaustivo le difficoltà di pompaggio in mare ad alta pressione delle acque provenienti dal Comune di Porto Cesareo che da una popolazione di 5.650 d'Inverno passa d'estate ad essere di oltre 100.000 unità aumentandone evidentemente la portata di acque durante questo periodo verso la costa ionica neretina, anch'essa destinazione di numerosissimi bagnanti locali, italiani ed esteri. Quindi un evidente spreco di risorse, che andrebbero riutilizzate ed impiegate e lo stesso Sergio Fai analizza con chiarezza, che le soluzioni alternative e praticabili esistono e sono molto meno costosi ossia una bacino di fitodepurazione, ossia un'area estesa, che attraverso una piantumazione (giunchi ed altre piante), e sapendo inoltre che nel Parco di Porto Selvaggio è già presente un bacino antincendio non utilizzato, che potrebbe essere luogo adatto a creare una avifauna idonea ad insediamenti naturalistici e nel caso specifico depurativi delle acque quindi depurate e riutilizzabili. Quindi non solo spreco di risorse economiche, che con un sistema più economico e quindi più vantaggioso, ma anche uno spreco di risorse naturalistiche importanti.

Channel:

Related tags: Condotte sottomarine , Regione Puglia , Politica sbagliata , Fitodepurazione, ,

comments powered by Disqus









TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso