30 Gennaio 2004. Quattro anni di ricerche in tutto il Canada - nelle case dei nostri connazionali- per raccogliere memorie, lettere, documenti, foto, registrare racconti, ma anche per recuperare oggetti, arnesi, strumenti. A quegli oggetti, che dovevano dare un senso di una rassicurante continuità alla loro nuova vita non era legata solamente l'affettività della memoria; su quegli oggetti si era poggiata la loro vita di relazione. Insieme all'uso si era costruita la loro esistenza ed i pensieri che l'accompagnano, quelli di tutti i giorni e quelli che, insieme alla speranza, guardano lontano. Ideatore e coordinatore di questa iniziativa è un antropologo, il responsabile della divisione Cultura del Museo, il professore Mauro Peressini, figlio di friulani, che dedica la sua vita di studioso ai fenomeni della nostra emigrazione. Four years of research in Canada -- in our compratiots'houses -- to collect memoirs, letters, documents, photographs, to record stories, but also to find objects, tools, equipment. Those objects gave a sense of reassuring continuity to their new life. Creator and coordinator of the initiative is an anthropologist, Prof. Mauro Peressini, who dedicates his studies to the Italian emigration.

Channel: Humans Channel

Related tags:

comments powered by Disqus









TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso