A Cartuline e' Napule - Lina Sastri

Added by | 9 yearss ago

549

Magnifica interpretazione di un classico della canzone napoletana del 1927 - Versi di Pasquale Buongiovanni - Musica di Giuseppe De Luca Pasquale Buongiovanni, come tanti napoletani dell'epoca, nel 1920 emigra in America. Inizialmente si adatta a diversi lavori per sopravvivere, e tra questi quello dell'imbianchino. Un giorno riceve posta da Napoli: è una cartolina inviata dalla madre con la veduta di Napoli. L'emigrante guarda e riguarda la cartolina illustrata, ripercorrendo nella sua fantasia i luoghi della Terra lasciata, e con gran malinconia butta giù dei versi poetici, dedicati al Paese nativo. Passarono alcuni giorni, e Don Pasquale è convocato da Giuseppe De Luca (un altro emigrante napoletano) per pitturare e rimettere a posto la cucina della sua abitazione. Buongiovanni inizia questo lavoro e, sapendo di trovarsi in casa di un buon musicista (De Luca già lavora nell'editoria musicale "Pennino" di New York, di proprietà del nonno di Francis Ford Coppola), decide di far visitare la sua poesia al Maestro. De Luca, dopo aver letto i versi, abbastanza sorpreso e compiaciuto, dice al Buongiovanni: "Bravo! Continua 'a pittà, pecchè quanno è fernuto 'e faticà, te faccio sentì 'a musica!". Nasce in questo modo una delle canzoni napoletane di successo internazionale. "A cartulina 'e Napule" è presentata, nel 1927, all'audizione musicale di Edward Rossi al Teatro Werba di New York, da Mario Gioia. Ma, ascoltata da Frank Acierno (titolare dell' Acierno's Royal Theatre di ...

Channel: Humans Channel

Related tags:

comments powered by Disqus









TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso