Il 1° settembre 1939: l'esercito tedesco invade la Polonia. A settant'anni esatti dallo scoppio della seconda guerra mondiale Correva l'anno presenta Hitler: ascesa e caduta. Il racconto delle vicende all'origine di questa drammatica pagina della storia recente e, insieme, il racconto dell'ascesa dell'uomo che vagheggiò, programmò e realizzò quel conflitto con tenacia e folle volontà di conquista. Settant'anni fa gli uomini della Wehrmacht, alla ricerca di 'spazio vitale' per il popolo del Reich, davano il via a una guerra che immaginavano facile e veloce come un lampo, ma che sarebbe stata, invece, un lungo e duro scontro planetario. Tutto comincia nella Germania degli anni Venti, quando un anonimo pittore dilettante, originario di Vienna, inizia a sognare di dominare il mondo. Si chiama Adolf Hitler e in pochi anni da capo del Partito Nazionalsocialista diventa Cancelliere del Reich. È il 30 gennaio del 1933. In meno di quattro mesi il Parlamento, le attività sindacali, il libero gioco dei partiti, in una parola la democrazia diventano solo un pallido ricordo. Rapidamente Hitler diventa il padrone assoluto della Germania. Ma non basta. Oggi Berlino, domani il mondo. Così, dal cuore del Reich, parte rapida e inesorabile la marcia per la conquista di terre e popoli. Prima con le pacifiche annessioni dell'Austria e della regione dei Sudeti, poi con l'invasione della Polonia, atto offensivo che scatena, il 3 settembre 1939, la risposta bellica di Francia e Inghilterra. In ...

Channel:

Related tags:

comments powered by Disqus









TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso