LEGGI QUI: www.byoblu.com Si fa presto a dire: non si sale sui tralicci e non si picchia la gente. Lo diceva anche De André: "Si sa che la gente dà buoni consigli, sentendosi come Gesù nel tempio...". Si fa presto ma, al contrario di quel che avviene "a pensar male", molto spesso non ci si azzecca. In Val di Susa c'è una guerra, e non è una guerra da tastiera di pc. La gente è doppiamente indurita: al carattere montagnoso e temprato si aggiungono anni ed anni di vita in trincea, passati a riscaldarsi dentro a baracche improvvisate, di giorno e di notte, al gelo, sotto la neve e con il ghiaccio, pronti ad essere svegliati nel cuore della notte da una catena di sms pur di non arretrare di un millimetro. Pur di non farsi rubare il futuro mentre dormono. E non sono sfaccendati, perditempo o debosciati, come certa stampa e certi commentatori distratti amano definirli per lavarsene le mani e tornare ad occuparsi della farfallina di Belen. Sono docenti universitari, sono ingegneri, sono politici e sono sostenuti da ricerche pubblicate perfino sul Sole24ore. La loro frustrazione è comprensibile ed è anche la mia. Tutto è racchiuso in una semplice domanda: perché chi dice che la Tav è inutile argomenta con dati a supporto, mentre chi dice che la Tav è imprescindibile lo fa per partito preso, quasi si trattasse di un mantra che è vietato mettere in discussione? Perché non abbiamo mai visto una trasmissione televisiva dove i numeri, i fatti e gli esperti sono messi a confronto ...

Channel:

Related tags:

comments powered by Disqus









TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso