BIODIVERSITA' DELL'AMBIENTE MARINO COSTIERO DEL NORD ADRIATICO Nel mese di ottobre 2010, in Giappone, i governi hanno approvato il Piano Strategico per la Biodiversità 2011-2020 e gli Obiettivi di Aichi, come base per arrestare e possibilmente invertire la perdita di biodiversità del pianeta. Per costruire un supporto e uno slancio a questo urgente compito, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite, ha dichiarato il periodo 2011-2020 "Decade delle Nazioni Unite per la Biodiversità". Durante questo decennio i Governi, Organizzazioni Non Governative, Istituzioni Internazionali e agenzie, compagnie e comunità locali si sono impegnate ad agire per la conservazione della biodiversità. L'ambiente marino del Mediterraneo è stato classificato tra gli "hot spot" del pianeta, ovvero fra le aree a maggior tasso di biodiversità, ma anche le più fragili nei confronti delle minacce sia di origine naturale che antropica. Per proteggere e conservare questo patrimonio è indispensabile in primo luogo conoscere il valore degli habitat che ci circondano e dai quali traiamo le risorse per la nostra sopravvivenza. Allo scopo di dare il proprio contributo alla celebrazione della biodiversità, la Provincia di Pesaro/Urbino, l'associazione Reef Check Italia Onlus e il circolo subacqueo Subtridente Pesaro organizzano un evento rivolto a tutta la popolazione per promuovere la conoscenza della biodiversità dell'ambiente marino costiero del nord Adriatico. L'evento è rivolto a tutti ed ha lo scopo di ...

Channel:

Related tags:

comments powered by Disqus









TerritorioScuola. Some rights reserved. Informazioni d'uso